24-03-09

L'omicidio giudiziario dello activist Marcel Vervloesem


265_0_KEEP_RATIO_SCALE_CENTER_FFFFFF

L'autista di Stefaan De Clerk, Ministro della Giustizia Belga, ha urtato un lampione, durante l'inaugurazione del nuovo edificio della giustizia a Turnhout questo 19 marzo, 2009. La super BMW si è leggermente ammaccata e il lampione stortato. Il Ministro ha incontrato i primi magistrati che hanno condannato Marcel Vervloesem a morte, e quelli che saranno incaricati di finirlo nella prigione locale. Uno dei magistrati che si è opposto a questo assassionio è stato degradato ad un posto di giudice di pace.


moord.justitie.imagesDe Clerck ordina di dare il colpo di grazia a Marcel Vervloesem ?!

I medici avevano previsto due operazioni a cuore aperto, dopo la cicatrizzazione della ferita lasciata dal cateterismo cardiaco. L'operazione è stata eseguita in un solo tempo, mentre la ferita sanguinava da quattro mesi. Marcel Vervloesem ha tre cicatrici : una verticale nel mezzo del torace, una orizzontale qualche centimetro sotto la verticale e una sulla sua gamba destra dal basso in alto lungo una vena superficiale. Il suo piede sinistro è stato ammanettato ed incatenato al letto dell'ospedale,questo affinchè in seguito la rigidità postmortem lo sfigurasse.

Dieci giorni dopo l'operazione, lui era di ritorno alla prigione di Bruges, nella sezione non medicalizzata, riservata ai detenuti più pericolosi del Belgio. Dopo, il Ministro della Giustizia prevede di trasferirlo in una prigione più umana, a Turnhout, dove non c'è un' infermeria o l' approvvigionamento regolare di insulina, da cui dipende Marcel per vivere.

Durante questo tempo, la Corte d'Appello di Anversa ha a differito il giudizio che dovrebbe togliergli i suoi mobili ed ammenicoli vari, per pagare i danni dei suoi calunniatori. La Corte aveva deciso questa data l'anno scorso pensando che fosse già morto, ma egli non era che in coma farmacologico. I magistrati erano nella condizione di non sapere se stavano condannando un uomo morto o togliere a sua figlia Wendy quei pochi ricordi dei suoi genitori. Loro dovevano egualmente decidere chi avrebbe dovuto pagare le spese di giustizia per le calunnie dello zio, così come degli amici di infanzia di Wendy, per otto denuncie che erano state sgonfiate dopo che uno di loro aveva riconosciuto che loro erano stati pagati 375 euros ciascuno per fare queste calunnie.

L'udienza si è tenuta a porte chiuse, poichè questa doveva così rivelare se lui era ancora tra la vita e la morte. I giudici hanno optato che sarebbe stato psicologicamente negativo per i denuncianti di giudicare il danno in un simile momento. Uno dei giovani aveva ritrattato la sua denuncia dicendo che i suoi amici e lui avevano mentito sotto la minaccia di spedirli in una casa di correzione per traffico di droga. Loro arrivavano spesso a chiedere a Marcel di raccontare ancora e poi ancora, le sue avventure quando intrappolava i pedocriminali di Zandvoort, per liberare i minori scomparsi nei bordelli olandesi. Era dunque psicologicamente negativo di far loro dei danni, per essersi esposti con delle menzogne delle quali non si perdoneranno mai, è comunque l'arma che la giustizia belga utilizza per assassinare un uomo che gli stessi ammirano.

L'avvocato di Marcel ha ricordato le accuse del PSD, servizio sociale della prigione finanziato dal Ministero della Giustizia, secondo il quale è la Corte d'Appello che blocca il suo dossier, in modo che lui venga privato dei suoi congedi dovuti ai prigionieri. La Corte d’Appello avrebbe risposto che il PSD non ha alcun bisogno del dossier per accordargli i suoi diritti di prigioniero, nè dell'autorizzazione di giudicare ciò che è già stato giudicato.
Questa è la prima volta che ci è data la parola di un magistrato che ha veramente un senso, in tutto questo dossier.

Per vendetta, uno dei magistrati avrebbe detto che la condanna non aveva altro obbiettivo che di farlo fuori. Forse per dargli una lezione salutare, magari?

Marcel Vervloesem ha condotto le ricerche per l'ONG Werkgroep Morkhoven, che ha portato anche alla scoperta della rete TemseMadera. Il senatore Brongersma (1911 † 1998) faceva parte del circolo di omosessuali che avrebbero messo assieme le sue collezioni pedoporno come per gioco. Nel marzo 1998, vicino agli 87 anni, lui scopriva Marcel Vervloesem che raccontava davanti alla televisione come si era arrivati a quelle foto, chi erano questi minori che erano stati violentati durante l'infanzia rubata, e la sofferenza dei genitori di quelli che erano scomparsi. Il vecchio senatore inviò una lettera a Marcel, per dirgli che lui inviava tutta la sua collezione alla polizia tedesca. Poi tentò più volte di suicidarsi, e ottenne un suicidio assistito, il 22 aprile 1998.

Marcel Vervloesem ha scoperto lo schedario di Zandvoort, con più di 100.000 foto di pornografia e torture di bambini, nelle foto dello schedario, compare un magistrato francese senza mutande. Marcel si è ritrovato in prigione, mentre le mutande del magistrato erano archiviate come divieto segreto di procedere in Francia,come pure in Olanda anche, perchè il dossier includeva egualmente delle mutande reali olandesi.

NO: I giudici non hanno voluto fare uno scherzo al Werkgroep Morkhoven per far loro imparare ad esporre un crimine contro l'umanità, di cui solo il senatore Brongersma avrebbe preso in seguito coscienza.

A cosa pensa il Ministro della Giustizia quando gli rifiuta il protocollo di cure per curare il cancro e che il medico della prigione di Turnhout gli ha prescritto dopo sette mesi? L'ultima volta che lui aveva deciso di rinviare Marcel a Turnhout senza questo protocollo, gli era stato promesso che sarebbe stato curato all'ospedale locale. Ma lui aveva rifiutato ogni trattamento od ospedalizzazione, finchè non avesse più di 24 battiti cardiaci al minuto ed i reni distrutti.

Loro gli avevano riservato una cella d'isolamento puzzolente, con un materasso sul pavimento ed un secchio di plastica per toilette. Il prigioniero che l'ha fatto uscire da questa cella offrendogli di condividere la sua, è stato trasferito per il sovrappopolamento carcerario. Non ci si deve quindi aspettare di meglio. Circa quindi le nuove promesse che saranno ben presto annullate quando sarà troppo tardi perchè il suo avvocato possa proteggerlo. Lui è molto fragile che possono fargli firmare ogni cosa, non importa quale sia. E' una esibizione di un regime che non è diverso da quello di Hitler, se non per una migliore qualità della propria propaganda.


- Droit Fondamental
- Werkgroep Morkhoven
- Rete criminale di Zandvoort

Gevangenis Brugge (Prizione di Bruges)
Sectie 35 - K 61
t.a.v. Marcel Vervloesem
Legeweg 200
8200 Sint-Andries - Brugge (Belgio)

De commentaren zijn gesloten.