26-11-08

Guantanamo Bruges: Il Comitato delle Nazioni Unite


GevangenisBrugge.151041743


Bruxelles, 25.11.2008

Cher Giorgio,

Ci sono molte cose che si stanno muovendo ora.
Marcel è sempre in prigione, anche oggi e non si sa quando sarà operato per la prima volta al cuore all'ospedale di Saint-Jan à Bruges.

Io ti invio un articolo del comitato delle Nazioni Unite contro le torture e le nostre reazioni.

salutati à Giovanni ed agli altri !


Il Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura che descrive di un piccolo gruppo d'azione non molto noto, era obbligato a riconoscere che alla prigione di Bruges il fenomeno della tortura esiste ancora.

Nemmeno sapevano che il Werkgroep Morkhoven e la Fondazione Princesse de Croÿ non hanno avuto alcun aiuto da qualsiasi organizzazione e che per molti mesi, hanno fatto uno sforzo estremo per descrivere la situazione nelle prigioni di Turnhout e di Bruges, loro sono contenti per il fatto che la La Lega dei Diritti dell'Uomo e le VN-Comitato hanno rotto il silenzio circa queste situazioni inaccettabili e le torture nelle nostre prigioni belghe.

Forse ancora un piccolo appunto : Le VN-Comitato spera che il Belgio organizzi molto rapidamente e come è possibile una Organizzazione Nazionale di controllo per prevenire i trattamenti crudeli, inumani e degradanti dei prigionieri, ma il medesimo stato Belga dimentica che nella legge Borginon de 2004 le autorità avevano già previsto una autoaffermata Commissione di Controllo che doveva ispezionare e sapere dove i diritti dell'uomo detenuto erano rispettati.
Queste Commissioni per il controllo sono restate ancora sulla carta dove erano scritte e,come succede normalmente, i parlamentari belgi che hanno firmato questa legge si domanderanno perchè queste Commissioni di Controllo non sono mai state realizzate,nè hanno iniziato un iter di ispezioni nelle prigioni più cruciali.

Jan Boeykens
Voorzitter vzw Werkgroep Morkhoven

Werkgroep Morkhoven vzw-asbl
Faiderstraat 10
1060 Sint-Gillis
Erkenningsnr. 443.439.55
Tel: 0032 (0)2 537 49 97
WerkgroepMorkhoven@gmail.com

-----------------------

Notizie circa la prigione di Bruges del belgio.

Bruges, 25.11.2008

Anche nella prigione di Bruges il fenomeno torutra esiste.
Queste sono le parole di un prigioniero che vuole far luce su un gruppo di azione speciale e tetro che vi opera, finalmente si legge della constatazione di un Comitato delle VN contro la tortura, che spiega in un rapporto ben scritto e critica le situazioni attuali nelle prigioni belghe.

Le raccommandazioni ufficiali del 'Comitato contro la Tortura' (Committee Against Torture) CAT degli Stati Uniti, fanno apparire che nel nostro paese ci sono ancora cattivi risultati sul piano della politica straniera, come la situazione nelle prigioni belghe nel trattamento dei minori.

Anche nella prigione di Bruges

Il Comitato delle VN è chiaramente a disagio sulle brutte circostanze in cui la gente è imprigionata. 'Non solamente nelle prigioni ormai vecchie, ma anche a Bruges, dice Angela van de Wiel della Lega dei Diritti dell'Uomo. Il Comitato descrive le circostanze con cui i detenuti sono imprigionati anche ammalati, 'e si riferisce anche alle istruzioni pessime date al personale delle prigioni sul modo in cui i detenuti che necessitano di aiuto psicologico sono trattati'.

Modi di tortura indiretta

'Certe volte con la parola tortura, si pensa piuttosto alle pratiche di torture mortali che sono esercitate nelle prgioni tetre nei paesi lontani da qui.
Ma un trattamento duro, inumano e disonorante può esserci anche con delle forme più indirette e così anche il nostro Belgio non è libero da queste specie di trattamenti.
Le raccomandazioni del Committee Against Torture sono, e lo speriamo, un incoraggiamento per il Belgio per prevenire e non usare più completamente dei trattamenti duri, inumani e disonoranti, dice van de Wiel.

Il Comitato fa pesantemente domanda al Belgio per rimediare al più presto tutto questo presso la Convenzione dell 'anti-tortura e redigere un protocollo di azione.
Adeguandosi a questo protocollo d'intesa il Belgio deve creare molto alla svelta una organizzazione nazionale di controllo che visita ogni posto di detenzione per prevenirei trattamenti crudeli, inumani e disonoranti.

(FN-Propre Nouvelles)

http://www.stadsomroep.com/Detail.asp?NUM=26160/


Guantanamo di Bruges: eutanasia
http://www.google.be/search?hl=fr&q=Prigione+Bruges+eutanasia&btnG=Rechercher&meta=

Marcel Vervloesem: reti pedocriminali di Zandvoort
http://www.google.be/search?q=reti+pedocriminali+Zandvoort&btnG=Rechercher&meta=

Des quartiers de haute sécurité dans les prisons font scandale en Belgique - Google:
http://www.google.be/search?hl=fr&q=sécurité+prisons+Belgique&btnG=Recherche+Google&meta=

Convention de Génève, 17 juli 1929:
http://www.icrc.org/dih.nsf/WebART/305-430043?OpenDocument

Werkgroep Morkhoven vzw-asbl
Rue Faider 10 - Faiderstraat 10
1060 Saint-Gilles - 1060 Sint-Gilles
Belgique - België - Belgio
nr. 443.439.55
Tel: 0032 (0)2 537 49 97
WerkgroepMorkhoven@gmail.com, postmaster@droitfondamental.eu, issakaba@skynet.be

http://groups.msn.com/WerkgroepMorkhoven
http://werkgroep-morkhoven.skynetblogs.be/
http://www.droitfondamental.eu/


Marcel Vervloesem, l'attivista antipedocriminali del Werkgroep Morkhoven, è molto ammalato in questo momento.
La 21.11.08, lui aveva dei sanguinamenti a causa delle manovre invasive dei medici di qualche giorno fa. La settimana prossima lui avrà la sua prima operazione al cuore.
Il suo avvocato Raf Jespers sporgerà denuncia contro lo Stato belga.

Scrivetegli (posta raccomandata se possibile) - Inviategli delle buste w dei francobolli(on più di dieci alla volta):

Gevangenis Brugge
t.a.v. Marcel Vervloesem - Medisch Centrum - Kamer 6.104
Legeweg 200
8200 Sint-Andries - Brugge (België)
Tel: 050 45 71 11 - Fax: 050 45 71 89
Europe: Tel: 0032 50 45 71 11 - Fax: 0032 50 45 71 89

De commentaren zijn gesloten.